Nome comune: Red Cherry Shrimp
Nome scientifico: Neocaridina davidi var. red
Altro nome scientifico: Neocaridina heteropoda, Neocaridina denticulata sinensis
Altro nome comune: Cherry Shrimp, Cherry Red Shrimp, RCS

La Neocaridina Red Cherry appare sulla scena acquariofila negli anni novanta, quando alcuni allevatori tedeschi iniziarono a selezionare ed allevare la varietà wild della neocaridina heteropoda che presentava una variazione del colore rosso.

Anatomia

Il corpo della Red Cherry, come quello di ogni altro gamberetto, presenta un esoscheletro, detto cuticola, suddivisibile in due zone: una cefalo-toracica composta dalle chele, dai pereiopodi, dalle antenne, dal rostro e dal massillipide; ed un’altra addominale composta da pleopodi, uropodi e telson.

IMG_6289


IMG_6288

Panoramica/Overview
Le RCS hanno acquistato popolarità grazie alla loro predilezione per ogni tipo di alga di acqua dolce e per i detriti organici derivati da scarti di cibo o da pesci morti. Questa peculiarità fa delle Red Cherry un ottimo strumento per mantenere pulito l’acquario. Oltre alle caratteristiche già dette la Neocaridina davidi var. red viene scelta per la enorme capacità di adattarsi ad acque dai differenti parametri. La maggior parte degli acquariofili iniziano con questa specie a causa dei bassi requisiti richiesti per l’allevamento e anche per acquisire informazioni sui nano gamberetti in generale. Una volta acquisita l’esperienza necessaria la maggior parte degli hobbisti passa a specie più difficili come Tiger, Crystal Red Shrimp, Carbon Rili e altre varietà.

Allevamento
Come abbiamo già detto Red Cherry Shrimp si adatta bene a qualsiasi ambiente, il suo temperamento pacifico gli permette di vivere sia in acquari di comunità sia in vasche dedicate. Nel caso di acquari di comunità l’esperienza mi porta ad affermare che si adattano meglio se vengono introdotte per prima e se l’acquario è ben piantumato. I valori dell’acqua ottimali si aggirano intorno ad una temperatura tra i 15 e i 26 gradi centigradi, una durezza carbonatica tra 3 e 10 ed un pH preferibilmente sotto il 7 ma va bene anche tra 6 e 8. Hanno un aspettativa di vita di 2 anni.

Alimentazione
Questa è veramente facile e alla portata di tutti. Ho già detto che sono fameliche mangiatrici di alghe, pertanto, anche se dovessimo saltare per un motivo o un altro di dar loro cibo non c’è problema. Inoltre sono onnivori, mangiano qualsiasi cosa da spinaci sbollentati, zucchine, cialde di alghe, gamberetti, scaglie di pesce, chironomus, cibo specializzato e altro ancora. Volendo esagerare ed essere esigenti si può dar loro da mangiare una volta al giorno, variando pietanza di giorno in giorno. Meglio alimentarli con qualcosa che possano finire nel giro di un paio di ore. Le dosi dipendono dalla piantumazione in vasca e dal numero di componenti della colonia. Io per esperienza preferisco tenerli a digiuno un paio di giorno o addirittura una settimana intera, per dar loro la possibilità di variare e ripulire la vasca allo stesso tempo.

redcherrycommunity1

redcherrycommunity2

 

 Riproduzione
Il dimorfismo sessuale si individua molto semplicemente, le femmine si presentano più grandi e con una colorazione ben più accesa rispetto ai maschi. Inoltre la femmina si può distinguere dal maschio anche per un’evidente macchia gialla che compare a livello della testa nel periodo di riproduzione, tale macchia sarebbero le uova che scendono nei pleopodi.
redcherrymalefemale

Figura 4. Maschio a sinistra cono colorazione poco accesa. Femmina sulla sinistra, presenta una colorazione ben più vivace.

Il gamberetto Red Cherry è estremamente prolifico, il che significa che si riproduce rapidamente e praticamente tutto il giorno. Con una buona alimentazione e attenzione è possibile raggiungere una numerosa colonia in pochi mesi (io personalmente l’ho raggiunta in 6 mesi).redcherrycommunity2

In una colonia ben avviata le femmine saranno costantemente gravide e il tempo necessario per la schiusa delle uova si aggira intorno i trenta giorni. Quindi ogni 30-45 giorni in media si avranno nuovi piccoli in vasca. Le femmine mantengono le uova nell’apparato addominale dei pleopedi. Osservandoli sembrano dei grappoli d’uva, la femmina ogni tanto muove velocemente i pleopedi in modo da far aerare le uova per evitare che marciscano. È facile individuare una femmina con uova in quanto presenta una colorazione giallastra nel complesso dei pleopedi.

redcherryfemaleeggs


femminaeggs2

redcherryfemale

La crescita della caridina, così come di ogni altro gamberetto è lagata alla perdina della cuticola e alla generazione di un nuovo esoscheletro. La perdita periodica della vecchia cuticola, costituita da due sostanze (chitina e sclerotina) che la rendono dura e incapace di accrescersi, con la formazione di una nuova più grande avviene più frequentemente durante gli stadi larvali e va scemando man mano che il gamberetto raggiunge la condizione adulta. La nuova cuticola appena distesa ed esposta all’acqua è molle, ma si indurisce nel giro di alcuni minuti, pertanto in questo periodo i gamberetti cercano riparo sia dagli altri pesci che dai gamberetti stessi.

redcherrymuta

Commenti

commenti

1679 - Visite totali - 1 - Visite odierne -
Carmine Pagliaro
Sono nato a Catanzaro il 22 Settembre 1984.
Ho studiato informatica e mi sono laureato in Ingegneria Biomedica.
Vivo da solo da quando avevo 23 anni, questo mi ha permesso di roganizzarmi casa e gli spazi al meglio.
L'acquariofilia ha trovato spazio nella mia stanza nel 2005 con una vaschetta arredata per un pesce rosso.
E' stato il padre di un carissimo amico a condurmi al livello successivo, con un acquario serio.
Comprai la mia prima vasca a 24 anni, 100 litri lordi, filtro interno, vasca chiusa. Come ogni altro acquariofilo, ho iniziato a riempirlo di pesci.
Dopo un po' capii che la mia passione non erano tanto i pesci ma le piante, così inizia a svuotare la vasca dai pesci e riempirla con le piante.
Da li è stato un crescendo.
La mia passione per l'acquario mi ha condotto nel 2014 allo sviluppo di un applicazione per smartphone Android inerente le piante acquatiche.
Attualmente posseggo 3 vasche tutte rigorosamente piantumate.
Mi dedico all'allevamento di Betta Splendens, di Caridine e di Guppy.